in

Michele Piagno (barman, enoteca Vecchia Pretura – Codropio – UD): “chi gestisce bar e ristoranti è in difficoltà assoluta”

Abbiamo fatto quattro chiacchiere con Michele Piagno, barman di livello internazionale che con la sua famiglia tra un impegno e l’altro gestisce anche l’enoteca Vecchia Pretura a Codroipo, un bel paese di 15.000 anime in provincia di Udine. Su AllaDiscoteca, più precisamente a questo link: http://bit.ly/3sxOgYf – trovate tutta quanta l’intervista… e per fortuna, non trovate solo musica e dj, ma anche tutti quei professionisti che ci fanno divertire. Se i gestori delle disco, chiuse da marzo 2020, piangono, anche chi ha un locale d’altro tipo (bar o ristoranti non può gioire).

Ovviamente, parliamo dell’iniziativa dimostrativa. “Io Apro”, che venerdì 15 gennaio farà aprire di nuovo tanti ristoranti italiani (e non solo anche bar, palestre e piscine”. In realtà, grazie alla crisi di Governo, questa protesta è già uscita dal (sempre splendido) vortice dei media.

Michele Piagno non è un estremista, non è un negazionista. E’ un imprenditore in difficoltà assoluta che non sa come potrà affrontare il 2021 dopo le difficoltà incredibili che ha affrontato nel 2020. “Capisco bene le ragioni di chi protesta in forte. Aprire oggi però significa rischiare multe e soprattutto farle rischiare ai propri clienti”, spiega. “E’ chiaro poi che non sono i locali pubblici ad aver veicolato il virus, visto che i numeri non sono sotto controllo e i locali sono quasi chiusi o lavorano con pesanti restrizioni da tempo”.

Come riassumeresti la situazione di chi gestisce oggi un bar o un ristorante?

“E’ tragica, ma molti non se ne accorgono. La politica è riuscita nell’impresa di dividere gli italiani creando una guerra tra poveri. Leggere sui social commenti terribili su noi ‘ristoratori untori che fanno solo nero da decenni’ fa male. Oltre che dimenticati dallo stato, siamo odiati da troppi. Non è giusto e non è logico”.

C’è chi dice che bar e ristoranti siano stati destinari di molti ristori…

“Ad oggi, per dicembre 2020, il mio locale ha avuto come ristoro il 10.8% del fatturato del 2019. Per quasi tutto lo scorso anno però abbiamo potuto aprire solo con pesanti restrizioni. Tra l’altro, anche quando la regione Friuli Venezia Giulia è gialla come in questo momento, dobbiamo chiudere alle 18. Il mio locale, come altri, era e sarà sempre soprattutto serale, altri non lo sono… mentre i ristori sono arrivati senza fare distinzioni. Per questo, nel nostro caso, per poter stare in piedi avremmo avuto bisogno del 50% del fatturato del 2019”.

https://michelepiagno.it/
https://www.facebook.com/vecchiapertura

Dai un voto all'articolo!

0 points
Upvote Downvote

Total votes: 0

Upvotes: 0

Upvotes percentage: 0.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

Gianni Parrini intervistato dal blog di Jaywork Music Group

Daniel Bellavista (Locale, Palermo)”: “Non aderiamo all’iniziativa ‘Io Apro’, continuando solo con delivery e asporto”