in ,

Andy Van Pastor la musica elettronica di un musicista dj

Andy Van Pastor (all’anagrafe Andrea Pastorelli, Bergamo, 6 febbraio 1994) è un musicista, produttore e DJ italiano.

Appassionato alla musica fin da bambino, inizia a studiare chitarra classica a soli 8 anni, e successivamente intraprende anche degli studi di canto. Già dall’età di 12 anni ha le prime esperienze sul palco, le quali aumenteranno nel corso degli anni lavorando con diverse band, vincendo anche vari concorsi della bergamasca, nonostante la giovane età.

Nel 2013, grazie alla passione per la musica elettronica e l’influenza della progressive house commerciale ha intrapreso anche una carriera da dj e produttore che lo porta ad esibirsi in diversi club italiani come il Fabrique e l’Hollywood di Milano, la Baia Imperiale di Gabicce Mare, il Bobadilla di Bergamo e il Florida di Brescia. Nell’estate 2019 si esibisce per la prima volta all’estero, in diversi locali in Grecia, tra cui lo Zeros e il Republic Beach di Zante.

Amante della musica a 360° nel corso degli anni Andy Van Pastor è stato influenzato da diversi artisti e di diversi generi. Dal rock all’elettronica. Tra gli artisti che lo hanno maggiormente ispirato nel corso della carriera ci sono Enter Shikari, Eric Prydz, Swedish House Mafia.

La musica di Andy Van Pastor è principalmente elettronica, con elementi che richiamano il rock e il pop.

Bentornato Andy Van Pastor,

come e quando hai deciso di intraprendere la carriera da DJ.

Era intorno al 2013, era un periodo in cui con la mia band del tempo eravamo in pausa per diversi motivi, ma non riuscivo a stare senza musica, senza i live e la gente, quindi ho comprato una console e ho iniziato a esibirmi come DJ.

Qual è il tuo genere musicale preferito al di fuori dell’EDM?

Sono sempre stato molto appassionato a Rock, Punk, Metal, ma ascolto tanto anche i grandi cantautori Italiani.

Quali sono i tuoi 5 dischi preferiti al momento?

Waiting For The Night – Armin Van Buuren

The Veldt – Deadmau5

Juggernauts – Enter Shikari

In Your Room – Depeche Mode

Innerbloom – Rufus Du Sol

Puoi parlarci della tua prima esperienza dal vivo come DJ? In che club e occasione è stata?

Il mio primo live da DJ è stato nel 2013 in un club undergound in provincia di Bergamo, locale che ormai non c’è più, era una serata Electro/Dubstep con ospite il DJ inglese Far Too Loud.

Che rapporti hai con le etichette discografiche e come ti procuri i contratti?

A livello discografico al momento ho brani rilasciati e collaborazioni con Sony Music Italy e Bang Record. Per procurarmi i contratti cerco di ampliare sempre di più le mie conoscenze, sfruttando anche i live a cui partecipo e gli eventi che organizzo.

Cosa hai in programma per il 2022?

Ho un bel po’ di brani nuovi pronti da rilasciare. Alcuni con influenze stilistiche e di genere diversi, che prendono dal mio background Rock/Cantautoriale. Alcuni hanno vocals cantati direttamente da me. Inoltre (situazione covid permettendo) sono in programmazione nuove date in diversi locali. Infine, dopo il successo dei feat. Snoop Dogg e Flo Rida, è in programma un terzo capitolo del progetto “Future Kids” con un altro grande artista internazionale, ma al momento niente spoiler.

Follow Andy Van Pastor on:

Instagram

Facebook

Twitter

Spotify

YouTube

#andyvanpastor #andyvanpastordj #andyvanpastorelectromag

Dai un voto all'articolo!

1 point
Upvote Downvote

Total votes: 1

Upvotes: 1

Upvotes percentage: 100.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

Mitch B., in arrivo “I Love The Nightlife” con Marcello Mazzoli e Martina Feeniks

2 e 3 ottobre 2021: D Club Wellness Experience a Viareggio, due giorni dedicati al benessere ed al lifestyle