in ,

“Close To You” singolo rivelazione di Guz Hardy & J Luke

Benvenuti Guz Hardy & J Luke

su ElectroMag, il portale che parla della musica elettronica e dei suoi protagonisti.

Guz Hardy & J Luke sono un duo italiano di musica pop/edm formatosi nel 2019, che dopo un anno di attività, ha già totalizzato più di 1 Milione e mezzo di Streaming divisi tra i digital store più famosi. Le loro prime release sono state curate e promosse all’estero (Benelux e Francia) finchè nel 2020 i due fondano la ‘’Deserve Records’’, etichetta con sede a Milano, lanciando il loro ultimo singolo ‘’Close To You’’ mettendo così le basi ad un progetto dance-pop che si appresta a crescere sempre più.

  • Il vostro duo è formato da un dj/producer (Guz Hardy) e da un performer/songwriter (J Luke) credete che questa sia la formula vincente?

Sì, noi crediamo fortemente che questa sia la formula vincente! In Italia e nel mondo esistono veramente pochissimi duo formati da DJ e Performer. Essendo DJ, producer, performer e songwriter è tutto più semplice, dall’intesa sul palco alla creazione di nuovi pezzi.

  • Close To You” è una traccia che parla d’amore, un po’ pop un po’ dance, cantata dall’artista Kirsty Grand, ci raccontate di questo nuovo progetto?

Close To You’’ nasce piano e voce, ed è super emozionale, era fortissima anche in versione acustica, perché la linea melodica resta in testa ed il testo è il più vero che abbiamo mai scritto. Tratta di amore (come quasi tutte le nostre produzioni) ma in questo viene raccontata proprio una storia vera in tutte le sue sfumature, molto personale, infatti quando l’abbiamo proposta a Kirsty (che ha fatto solo da interprete) rimase sbalordita ed era felicissima all’idea di lavorarci, tantochè in 48h l’aveva già fatta sua, registrata ed inviata a noi, che l’avevamo subito approvata. Per il lato produzione, invece, abbiamo sperimentato un po’ su questa nuova linea dance che sta andando dal 2020, le bassline fanno da padrone nei drop con ritmi ‘’houseggianti’’, ma per non perdere lo stile che ci rende riconoscibili in ogni nostra canzone, le strofe richiamano ritmi e suoni pop. Dovremmo chiedere adesso ai nostri fan se è il caso di proseguire su questa nuova wave o se fare un passo indietro e restare sui ritmi dance pop ‘’leggeri’’. 

  • Cosa vi ha spinto a creare una vostra label e qual è la mission che perseguite?

Sicuramente la voglia di metterci in gioco, la conoscenza del mondo discografico che c’è dietro ad ogni progetto artistico è la base. Nonostante la nostra giovane età, possiamo dire che da soli siamo riusciti a creare un team che si occupa a 360 gradi di tutto ciò che serve in questo mondo ad un’artista. Dalla formazione, alle crescita sino alla produzione e promozione. La Mission è quella di creare un brand con il tempo sotto il nome di ‘’Deserve’’ che appunto significa ‘’merito’’, per riuscirci però, bisogna prima affermarsi e farsi conoscere nel mercato discografico, così da poter produrre artisti di un certo calibro e poterne lanciarne altri, anche emergenti, come noi ad esempio.

  • Tracciate il profilo ideale di una traccia che attiri la vostra attenzione per essere pubblicata su Deserve Records.

Deserve è il ramo mainstream di una casa discografica leader da anni nel settore della musica alternative. Quindi possiamo e vogliamo solo fare musica mainstream, nello specifico che sia pop, urban o dance poco cambia, importante è che la canzone che ci viene proposta, sia appetibile per il mercato di oggi. Non investiamo su artisti a lungo termine perchè non abbiamo ancora le possibilità, ma sicuramente stiamo creando un nostro roster di artisti che possono dire la loro. Avere una bella voce, una fanbase (anche social) e ottime idee nella realizzazione dei brani, è la giusta base di partenza per lavorare con noi. 

  • Se volessimo scendere nel tecnico, che tipo di setup utilizzate per le vostre produzioni?

Grazie ai One Direction abbiamo scoperto che le idee e le hit non vengono per forza in studi da centinaia di migliaia di dollari. Basta un microfono, una scheda audio ed un pc performante per realizzare le idee che hai in testa, ma se dovessimo entrare nello specifico: lavoriamo su Logic Pro, ed i Sintetizzatori preferiti sono sicuramente Spire e Serum. Anche se in ogni nostra canzone ad oggi ci sono sempre state chitarre suonate realmente, mentre la ritmica è maniacalmente curata dal sound design di ogni componente per ogni drums. Lo studio è stato totalmente rinnovato da poco, con un Mac di ultima generazione (assemblato), Apogee Duet come scheda audio, Yamaha HS7 come monitor e una semplice M-Audio come tastiera midi, in fase di registrazione, invece, usiamo un microfono a condensatore, è le Sony MDR-7506 (sicuramente le migliori sul mercato come cuffie chiuse). 

  • Come trascorrete il tempo in studio?

La maggior parte del tempo in studio lo trascorriamo creando nuovi brani per noi o per terzi dato che siamo anche ghost producers (testo, linea melodica, arrangiamento, fino al mix ed al master finale). L’altra parte del tempo la trascorriamo per portare sempre più in alto il nome Guz Hardy & J Luke e della nostra nuova label, facendo tutti i lavori che in una casa discografica normalmente farebbero 10 persone almeno, come trovare sempre nuovi contatti con artisti, altre label, A&R del settore, chiudere trattative per licenze estere, promozioni,  grafiche, script video, campagne social ecc… insomma c’è molto da fare. Il tempo non basta mai. 

Link social

Official Site

Facebook

Instagram

YouTube

Spotify

Apple Music

Tik Tok

Grazie Guz Hardy & J Luke per aver trascorso del tempo con noi!

Dai un voto all'articolo!

1 point
Upvote Downvote

Total votes: 1

Upvotes: 1

Upvotes percentage: 100.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Comments

comments

Lorjs: “Se avete qualcosa da dire o da trasmettere mettete le cuffie e sognate!”

Alberto Salaorni & Al-B.Band al Berfi’s Verona il 31 ottobre 2020, dalle 19 alle 24