in ,

Guz Hardy & J Luke fondano l’etichetta Deserve Records

Gli Artisti catanesi, Gianluca Guzzardi e Gianluca Viglianisi meglio noti come”Guz Hardy & J Luke” fondano la Deserve Records, etichetta musicale indipendente e firmano un accordo con la MarTech Company CreationDose, per le campagne social. 

Guz Hardy & J Luke, giovani artisti catanesi, hanno alle spalle diversi successi, superando su Spotify 1 milione di streaming e classificando in UK e Italia e belgio nelle top 100. Da qui il passo di creare un’etichetta musicale indipendente, la Deverse Recors che avrà sede a Milano e curerà il ramo mainstream della “Space is The Place di Luciano Cantone”.
Quest’ultimo anch’esso fondatore della Deserve, è proprietario anche di Ishtar Edizioni, casa discografica leader nel settore jazz, soul, alternative da oltre 20 anni, che ha visto passare da via Mecenate artisti del calibro di Mario Biondi, collezionando diversi dischi d’oro e platino.
L’obiettivo per Guz Hardy & J Luke e della Deserve Records sarà di promuovere anche altri artisti nazionali ed internazionali, oltre alle loro prossime canzoni, in collaborazione con editori, artisti e discografici nei territori europei. La distribuzione dei brani sarà affidata a Believe Music Digital (società leader nella distribuzione musicale) con accordo in esclusiva per Spotify.
La Deserve Records, oltre i servizi di produzione musicale a 360 gradi, (sia a Milano che a Catania) offrirà anche servizi di produzione artistica che comprendono, crescita, piazzamento e promozione dell’artista con i migliori canali.

Deserverecors
deserverecords.com

Info@deserverecords.com

Demo@deserverecords.com




Dai un voto all'articolo!

2 points
Upvote Downvote

Total votes: 2

Upvotes: 2

Upvotes percentage: 100.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Comments

comments

Cirillo JR: “i suoi sogni come obiettivi di vita”

Michele Piagno: barman e locali devono ripartire dalla qualità